Le primule.

 

La primula, il simbolo del risveglio.

 

Sono le prime ad apparire su giardini e terrazzi, e con i suoi colori vivaci ci riportano subito alla primavera.

Questo genere comprende circa 500 specie diffuse in tutto l' emisfero settentrionale.

Sono piante erbacee, raramente suffruticose, i cui caratteri morfologici sono comuni anche a un vasto numero di piante che fanno parte sempre della famiglia delle Primulaceae, che comprende circa un migliaio di specie distribuite in 22 generi. Hanno radici avventizie e foglie radicali in rosette intere o margine inciso; la forma e le dimensioni delle foglie dipendono dall' habitat in cui si sono evolute le diverse specie. I fiori sono gamopetali, cioè con petali a lembi regolari più o meno saldati fra loro. Il calice ha forma campanulata o tubolosa, mentre la corolla è a tubo allungato ; gli stami sono inseriti sul tubo della corolla, lo stilo è unico e la capsula polisperma, cioè che contiene più semi, è a cinque valve.

Il portamento può essere prostrato, con una semplice rosetta basale, oppure eretto, con alti steli che terminano con grandi ombrelle di fiori. Le primule sono presenti in natura in numerose specie di forme differenti , che si sono diffuse e adattate agli ambienti e alle condizioni climatiche più disparate. Da qui derivano le specie più diffuse :

 

 PRIMULA POLIYANTUS SPP

Raggruppa ibridi e razze, frutto di incroci tra primula vulgaris, primula veris, e primula eliator. Piante erbacee perenni molto colorate e rustiche

PRIMULA AURICOLA

Pianta erbacea perenne con fiori di diversi colori e foglie a forma di spatola. Può raggiungere i 15 cm si altezza ed è diffusa in numerose specie. Fiorisce da aprile a giugno. Sopporta molto bene le posizioni assolate, soprattutto nelle regioni montane. Si riproduce per seme.

 PRIMULA DENTICULATA

Pianta erbacea perenne che raggiunge i 12-15 cm, con capolini globosi e fiori color lilla sorretti da un peduncolo. Ama le posizioni ombreggiate e si riproduce per seme.

.PRIMULA ELIATOR O PRIMULA MAGGIORE

Pianta erbacea perenne con fiori giallo chiaro raggruppati ad ombrella, odorosi e portati da un lungo scapo che può raggiungere i 30 cm di altezza. Le foglie sono ovate rugose e a rosetta Fiorisce dai primi di marzo ad aprile. E' molto rustica e frugale. Si produce per seme.

PRIMULA VERIS (P. ODOROSA)

E' una specie spontanea molto conosciuta che si ritrova un po' ovunque e fiorisce alla fine dell'inverno formando dei deliziosi fiori disposti ad ombrella e campanulati, di colore giallo-dorato o spesso bianchi con delle macchie arancione, molto profumati.

Le foglie leggermente dentate e ricoperte da una fitta peluria nella pagina inferiore sono disposte a rosetta.

E' una pianta erbacea sempreverde rizomatosa ed è una specie protetta.

PRIMULA ACAULIS (P. VULGARIS)

E' la specie spontanea che più frequentemente ritroviamo nei boschi di montagna di tutta l'Europa. Non supera i 10 cm di altezza ed è caratterizzata da foglie strette e allungate con i margini ondulati.

Possono essere coltivate tranquillamente in appartamento purchè ci sia fresco per tutto il periodo della fioritura dopo di che devono essere portate all'aperto perchè dentro casa morirebbero.

PRIMULA FARINOSA

La P. farinosa è una specie spontanea molto diffusa soprattutto delle Alpi italiane, nelle zone medio-alte.

Produce dei piccoli fiori disposti ad ombrella e fiorisce da maggio fino a settembre.

PRIMULA SINENSIS

La P. sinensis è anche lei originaria della Cina e raggiunge un'altezza di 25-30 cm.

Le foglie sono lunghe, ricoperte da una fitta peluria e produce numerosi fiori variamente colorati. Fiorisce da dicembre a marzo.

Esistono numerosissime varietà conosciute come "Fimbriata" caratterizzate dall'avere i petali sfrangiati.

PRIMULA OBCONICA

La P. obconica è originaria della Cina è caratterizzata da foglie oblunghe-ovate, con i margini ondulati e ricoperti da una leggera peluria che contengono delle sostanze che al tatto possono irritare.

I fiori, riuniti in infiorescenze ad ombrella, sono portati da steli lunghi 20-30 cm, caratterizzati da un grande calice e di diversi colori: bianchi, rossi, salmone, azzurri, blu. Sbocciano dall'inverno e per tutta l'estate.

Tutti gli appartenenti a specie sono molto rustici e di rapido accrescimento.

Viene molto coltivata in vaso.

Da questa specie sono derivati numerosi ibridi dai colori più svariati.

PRIMILA MALACOIDES

La P. malacoides è originaria della Cina ed è una graziosa piantina non più alta di 20-25 cm. Le foglie sono picciolate con i margini dentati di colore verde pallido e le nervature bianche.

I fiori compaiono alla cima di steli fiorali lunghi anche 40 cm, riuniti in infiorescenze di colore variabile dal bianco al rosa.

Ha una fioritura molto abbondante da gennaio ad aprile e per questo è molto apprezzata come pianta d'appartamento.

IBRIDI POLYANTHUS

Gli ibridi Polyanthus sono probabilmente derivati dalla P. vulgaris. Sono fondamentalmente piante da esterni ma si adattano anche alla vita in appartamento.

Producono degli straordinari fiori, in genere bicolore, portati da degli steli lunghi anche 30 cm, riuniti in ombrelle.

Se coltivate all'aperto diventano piante perenni.

Sezione in allestimento