Ranuncolo Famiglia Ranunculaceae Genere Ranunculus L., 1753
Ranuncolo Ranunculus asiaticus

Ranuncolo Ranunculus L., 1753 Fam: Ranunculaceaea



Oggi il R. asiaticus ha soprattutto importanza industriale, come fiore reciso; nei giardini non è molto coltivato. Fino a metà Ottocento fu invece un fiore molto amato, uno di quei fiori profondamente trasformati dagli ibridatori, per cui infinite sono le sue varietà. I petali, in numero di 5 all'origine, furono moltiplicati fino a ottenere fiori semidoppi e fiori doppissimi, in cui anche gli stami sono trasformati in petali e la pianta non produce quasi più semi. Anche la gamma di colori si è arricchita notevolmente, con l'unica eccezione del blu.

Oggi i R. sul mercato si istinguono generalmente in R. francesi, da cui sono derivati i R. a fior di peonia, semisferici; R. persiani, per la maggior parte semidoppi; R. turchi e africani, molto vigorosi a fiore grande e molto doppi, generalmente più precosi degli altri. 

Si possono coltivare in terra piena o in vaso, con terriccio leggero, lavorato in profondità e ricco di humus. Il terreno deve essere ben drenato, non ombreggiato, meglio esposto al sole mattutino. Nelle zone a clima più freddo può essere coltivato a sud, ai piedi di un muro.

Le zampe vanno interrate a febbraio-marzo nei luoghi freddi, a dicembre gennaio nella maggior parte delle regioni d'Italia. Nelle regioni meridionali si può effettuare loperazione in autunno, tra settembre e ottobre, continuando fino a febbraio. Per avere fioriture migliori si consiglia di lasciar riposare le zampe, dopo averle estratte dal terreno, almeno un anno.

Le zampe sono delicate e vanno piantate con l'occhio in alto a 10-15 cm di distanza l'una dall'altra, a una profondità di 5-10 cm. Dopo la fioritura, quando i fusti e le foglie si sono seccati, si deve procedere alla raccolta delle zampe. Se il fusto aderisce ancora alla zampa, si taglia delicatamente al di sopra dell'occhio centrale. E' bene setacciare il terreno per raccogliere anche le zampe più minute. Si mettono quindi a seccare in luogo aerato e si ripongono in torba secca o sabbia. Generalmente si usa togliere le zampe ogni anno, perchè una seconda e terza fioritura offre di solito un prodotto molto scadente.

I R. si moltiplicano per divisione delle zampe o per seme. La semina e la successiva produzione di rizomi è però un processo abbastanza lungo e laborioso.