Ora impariamo a conoscerle. Classificazione botanica delle rose

 

 

 

1) Rose botaniche

Questo gruppo è formato da rose rustiche, molto resistenti a parassiti e funghi, dalle foglie verde scuro, imparipennate, formate da foglioline di forma ovale o ovato-lanceolata. Producono fiori molto profumati, semplici, a cinque petali. La fioritura è seguita dalla produzione di falsi frutti molto decorativi. Sono specie spontanee e ibridi da esse ottenute (sia spontaneamente che artificialmente) che, in seguito, hanno danno origine alle varietà moderne.

2) Vecchie rose

Il gruppo delle Vecchie Rose è formato da rose arbustive da giardino, a fiori molto profumati, derivate dalle specie tipiche per ibridazione o mutazione. Oggi sono in larga parte sostituiti dagli ibridi di Tea.

A seconda della loro origine vengono distinte in tredici sottogruppi.

Rose alba

Ottenute da R. x alba, sono piante rustiche e vigorose, adatte a qualsiasi tipo di terreno. Presentano foglie imparipennate, formate da 5-7 foglioline ovate, a margini seghettati, di colore grigio-verde. In giugno-luglio producono fiori profumati, bianchi o rosa, larghi circa 8 cm. Possono presentare portamento eretto o rampicante.

Rose Bourbon

Derivate da R. x odorosa e R. damascena, sono esemplari a portamento arbustivo ed espando, vigorosi e rustici. Presentano foglie lucide, verde scuro, formate da 5 foglioline ovate, dai margini dentati. Da maggio all’autunno producono fiori profumati, a coppa o globosi, con molti petali, larghi 8 cm.

Rose damascena

Derivate da R. damascena, sono varietà arbustive, rustiche che presentano portamento prostrato ed espanso con fusti spinosi, che portano piccole foglie di forma tondeggiante e colore grigio-verde. Da maggio a luglio producono fiori profumati, doppi, larghi 8 cm., poco duraturi, che sbocciano riuniti in corimbi radi. La fioritura è seguita dalla produzione di lunghi frutti tomentosi. 

Rose gallica

Comprende arbusti rustici, adatti alla coltivazione in terreni poveri, purché soleggiati, simili a R. gallica. I fusti, poco spinosi e ben ramificati, portano foglie composte da 3-5 foglioline acuminate, dai margini dentati, di colore verde scuro. Da maggio a giugno producono fiori profumatissimi, solitari, doppi, larghi 5-8 cm., di colore variabile dal malva al cremisi.

Ibridi di muschiata

Derivati da R. Moschata, questi arbusti, rustici e rifiorenti presentano un portamento espanso, con rami arcuati e spinosi, che portano foglie composta da 5-7 foglioline ovate con la pagina superiore verde scuro e quella inferiore verde-grigio. Da giugno producono fiori profumati, larghi 5 cm., di varie tonalità di colore (bianco, giallo, rosa, malva-cremisi, cremisi-scarlatto), che sbocciano riuniti in grandi corimbi. 

ROSE MUSCOSA

Sono arbusti rustici derivati da mutazioni di R. centifolia “Muscosa” o ibridi di questa, che presentano dimensioni variabili e fusti, ramificazioni e peduncoli tomentosi. In giugno-luglio producono fiori molto profumati, doppi o semidoppi, con ghiandole muscose sui petali (che conferiscono a queste rose un aroma resinoso), solitari o riuniti in gruppi di 2-3, a seconda della varietà.

IBRIDI PERPETUI

Comprendono arbusti che hanno avuto un’eccezionale diffusione in Inghilterra ai tempi della regina Vittoria; ma che oggi sono stati quasi completamente sostituiti dagli ibridi di Tea. Sono molto vigorosi, con portamento eretto e rifiorenti. Da maggio a ottobre producono fiori appiattiti, larghi 8-10 cm., solitari o riuniti in piccoli corimbi. 

Rose Polyantha Nane

Questi arbusti rustici, di taglia ridotta, originati dall’incrocio fra R. multiflora, R. x odorata e R. x noisettiana, presentano fiori appiattiti, larghi 2,5-5 cm., che sbocciano riuniti in grandi corimbi una prima volta in maggio-giugno e una seconda volta in settembre. 

Rose portland

Comprendono arbusti rustici, simili a R. chinensis, dal portamento compatto e dalle foglie formate da 5-7 foglioline acuminate e di colore verde chiaro. Da maggio a luglio, e spesso anche in autunno, producono fiori larghi 5-8 cm., simili a quelli di R. damascena, che sbocciano solitari o riuniti in corimbi. Ne fanno parte:

Rose di Provenza

Questi arbusti rustici, derivati da R. centifolia, presentano aspetto molto compatto formato da rami spinosi e ricadenti, che portano foglie composte da 5-7 foglioline di colore verde chiaro. Presentano una sola fioritura in giugno, con fiori profumati, doppi e larghi 5 cm. 

Ibridi Rubiginosa

Questi arbusti vigorosi e rustici, sono adatti a formare siepi di notevoli dimensioni (raggiungono anche 6 m. d’altezza). Presentano foglie profumate, formate da 5-7 foglioline. In giugno-luglio producono fiori molto profumati, generalmente semidoppi, appiattiti, a cinque petali, che sono seguiti in autunno da frutti molto decorativi, lucidi e di color cremisi-scarlatto.

Ibridi Rugosa

Questo sottogruppo comprende arbusti rustici e vigorosi, derivati da R. rugosa, che presentano portamento variabile. I rami spinosi portano foglie composte da 5-7 foglioline. In giugno-luglio, a volte fino a settembre, producono fiori, spesso profumati, riuniti in piccoli gruppi, larghi 8-10 cm., inizialmente globosi e poi appiattiti. 

Rose scozzesi

Sono arbusti rustici e polloniferi, adatti a terreni leggeri, derivati da R. spinosissima. Presentano rami spinosi che portano piccole foglie imparipennate, composte da 7-11 foglioline grigio-verdi. Da maggio a giugno producono fiori profumati e appiattiti, solitari o riuniti in corimbi.

3)Ibridi di Tea

Comprende arbusti rustici, a foglie decidue, adatti a posizioni soleggiate o in leggera ombra, aperte, ma protette dai venti e a terreni fertili, ben drenati, acidi o calcarei (in questo caso da correggere con letame maturo). Sono coltivate in modo particolare per la produzione di fiori recisi. I fusti, robusti e spinosi, portano foglie formate da 7 foglioline lucide od opache, di colore verde intenso e con sfumature rosse da giovani. Da maggio-giugno fino a ottobre producono fiori, generalmente doppi, larghi 10-15 cm., talvolta profumati, specie nelle varietà più recenti. Sono facili prede di funghi e parassiti.

4) Ibridi di floribunda

Il gruppo è formato da ibridi ottenuti dall’ incrocio tra R. Polyantha Nane e gli Ibridi di Tea. Sono arbusti a foglie decidue, adatti per aiuole e bordure (data il loro sviluppo che raggiunge il metro di altezza e i 50-60 cm. di larghezza). Si coltivano come gli Ibridi di Tea, ma non necessitano della pratica della sbocciolatura. I fusti sono ben ramificati e portano spine uncinate e foglie simili a quelle degli Ibridi di Tea. In giugno-luglio e in settembre-ottobre (doppia fioritura) producono fiori larghi 8-10 cm. semplici o semidoppi, riuniti in grandi corimbi terminali. Al gruppo appartengono anche le nuove varietà a fiori grandi, dette a volte Grandiflora, derivate dall’incrocio tra i moderni Ibridi di Tea e le moderne Rose Floribunda.

5) Rose a cespugliomoderne

Comprende ibridi derivati dall’ incrocio tra le Rose botaniche e le Vecchie Rose. Sono arbusti rustici, generalmente rifiorenti, a foglie decidue, con portamento variabile, adatte alla formazione di siepi e bordure miste o alla coltivazione come esemplari isolati. I fusti robusti, spinosi o setolosi, talvolta arcuati, portano foglie composte da 5-7 foglioline lucide, di colore verde chiaro, dalla forma ovata e dai margini seghettati. Da maggio a settembre producono fiori larghi 5-10 cm., semplici o semidoppi, solitari o riuniti in piccole infiorescenze, profumati solo in poche varietà.

6) Rose rampicanti e sarmentose

Il gruppo è formato da arbusti rampicanti rustici e a foglie decidue, lucide od opache (che da giovani spesso presentano sfumature rossastre), di origine diversa. Le varietà più vigorose sono quelle ottenute dalle Rose Botaniche rampicanti. Adatte a ricoprire muri e tronchi d’albero, producono, in maggio-giugno (a volte si ripete in autunno) fiori semplici, profumati, di colore variabile dal giallo al bianco-crema, larghi 5 cm. o più, riuniti in grandi corimbi. Altre varietà, meno vigorose, derivano da R. x noisettiana e dagli Ibridi di Tea. In giugno-luglio (e per quasi tutte le varietà anche in autunno) producono fiori semplici, semidoppi o doppi, larghi 8-13 cm., simili a quelli degli Ibridi di Tea. Le varietà sarmentose derivano invece da R. luciae e sono piante vigorose, adatte ad essere appoggiate a pergolati, più che a muri. Tra maggio e giugno producono fiori larghi 5 cm. semplici, semidoppi o doppi, riuniti in infiorescenze di notevoli dimensioni.

7) Rose in miniatura

Comprende arbusti di piccole dimensioni, rustici a foglie decide, generalmente rifiorenti, con fusti ramificati e spinosi, che portano foglie composte da 5-7 foglioline ovate e a margini seghettate. Tra maggio e luglio producono fiori semidoppi o doppi, larghi 2-4 cm. Derivate dall’incrocio tra R. chinensis “Minima”, gli Ibridi di Tea e gli Ibridi di Floribunda, sono piante adatte alla coltivazione in aiuole o in vasi di 10-15 cm. di diametro riempiti con terriccio da giardino, terriccio di foglie, torba e sabbia. Necessitano di posizioni soleggiate e di protezione dai parassiti e dai funghi. Si potano solo leggermente e si possono moltiplicare solo per talea.

8) Rose prostrate

Comprende rose a portamento prostrato, rustiche, a foglie caduche, adatte a ricoprire scarpate, quasi tutte dalla fioritura abbastanza breve.

9) Rose da siepe

Sono rose a lenta espansione che possono essere tenute nella forma desiderata con una leggera potatura.

Si ricordano:

10) Rose piangenti

Comprende rose derivate dali' innesto di Rose sarmentose su fusti di R. canina e R. rugosa, lunghi 1-2 m. Devono essere coltivate su robusti sostegni (dalla forma a ombrello se si vogliono ottenere esemplari con forma globosa).